Pensieri…

Ci si trova spesso a dover affrontare emozioni forti, fortissime. Alcune ben volute, altre per niente. E così mi sono ritrovato, nella mia ancora breve vita, a gioire per aver sengato un gol in un torneo della parrocchia, emozionarmi come mai mi era capitato nel veder recitare un pezzo di teatro da un amico, a piangere per uno scudetto vinto dalla lazio (volutamente minuscola) e gioire, sempre piangendo, l’anno dopo alla fine di quel Parma-Roma del 2001. Sono stato arrabbiato come mai mi era capitato per stupidi litigi con amici, e per giusti litigi con altrettanto "presunti" amici. Mi sono commosso nel veder dare una corda colorata di blu ad una persona che allora quasi neanche conoscevo e che avrei imparato a conoscere almeno un po’, e che adesso che non c’è più porto sempre con me quando accio capoeira, quando canto, quando suono e quando gioco. Sono stato travolto dall’emozione quando ho preso quell’inaspettatissima corda gialla, non tanto per il fatto di prenderla, ma quanto per la reazione di tutte le persone che avevo intorno, in particolar modo dei principianti.
 
Ma se c’è una cosa che continua a sconvolgermi e a lasciarmi con emozioni sempre più contrastanti, quella è la morte. Mi scontrai per la prima vola con la morte che avevo circa 11 anni, quando mia nonna Cesira, la madre di papà, venne stroncata da un infarto. Ero piccolo, ma abbastanza grande da capire cosa significasse. Sono stato sempre un appoggio per le persone in quei momenti, per mio padre, per mia madre quando toccò a nonna Adriana, eppure più vado avanti negli anni e meno l’accetto. cerco di farmene una ragione, da buon cristiano, eppure non sempre ci riesco.
 
Ieri se ne è andata la madre di un mio amico, Marco. Ha sofferto, è stato un lungo calvario, e forse ora sta meglio. Domani ci sarà il funerale, e so che a lui non riuscirò a dire niente, perchè in questi momenti nessuna parola può essere di conforto. E so che un semplice abbraccio potrà valere più di mille vuote parole.
 
A nonna Cesira, nonna Adriana, zia Lucia, Fabio, Desi e Andrea. Sempre con me.
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...